Teruel, città dell’amore e capitale dei dinosauri, Spagna

Click here for English version

Teruel non è grandissima, quindi, in una mattinata si può visitarla tutta tranquillamente. La città è ricca di deliziosi rincon ovvero angoli da scoprire, in un viaggio nelle varie epoche della lunga storia di Teruel e di come nei secoli i vari conquistatori hanno lasciato la loro impronta nella sua architettura.

Teruel è la città dell’amore, la capitale dei dinosauri e dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO per i suoi monumenti Mudejar.

Prima che Alfonso II d’Aragona conquistasse Teruel, nel 1171, la città era un’importante centro islamico che si riflette nelle numerose opere lasciate in eredità in arte mudejar che è caratterizzata dall’uso di mattoni, vetri e ceramiche con influenze gotiche o romaniche, tipico delle culture islamiche nei paesi cristiani.

La città di Teruel mostra uno scenario variegato, oltre al mudejar, sono presenti opere medioevali fino ad arrivare all’epoca modernista, che arricchisce di ornamenti gli edifici.

Ed ecco un’altra storia d’amore: quella degli Amanti di Teruel.

Nei primi anni del XIII vivevano nella città di Teruel, Juan de Marcilla e Isabel de Segura, la cui amicizia presto si convertì in amore. Indesiderato dalla famiglia di Isabel, per il fatto di non possedere beni materiali, il pretendente ottenne un tempo per arricchirsi.

Partì così per la guerra e tornò poco dopo la scadenza dell’ultimatum. Per quel tempo Isabel già era sposa di un fratello del signore di Albarracín. Ciononostante, Juan ottenne udienza con Isabel nella sua casa e le chiese un bacio; ella glielo negò ed il giovane morì di dolore.

Il giorno seguente si celebrarono i funerali del giovane nella chiesa di San Pietro; in quel momento, una donna vestita a lutto si avvicinò al feretro: era Isabel, che voleva dare al defunto il bacio che gli negò in vita; la giovane posò le sue labbra su quelle del morto ed improvvisamente cadde morta accanto a lui.

La torre della Chiesa de San Pedro e l’abside, dal 1986, sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Lasciando la Chiesa de San Pedro alle spalle ci si ritrova nel XIII secolo a rivivere le sensazioni e le emozioni degli Amanti di Teruel che oggi riposano nel Mausoleo degli amanti, sotto un cielo blu che li illumina. Un tempio costruito intorno all’amore di questi due giovani, ostacolati dalla differenze sociale che li ha portati a separarsi in vita.

A Teruel c’è Dinópolis, uno dei più grandi musei di paleontologia al mondo. Include anche alcune attrazioni, ristoranti e spettacoli. Il museo comprende tre sale espositive principali e un laboratorio di ricerca.

Dinópolis ha le seguenti sale espositive: sala della vita acquatica, sala dei dinosauri, sala dei mammiferi e sala delle meteoriti. Questo è un posto perfetto da vedere con i bambini! Potete trovare tutte le informazioni qui https://www.dinopolis.com/

Cosa abbiamo visto a Teruel (clicca sulla mappa per aprire il link)

English version

Teruel, the town of love and the capital of dinosaurs, Spain

Teruel it’s not very big and, therefore, half a day is enough to visit it all. The town is full of charming rincon, that is spots to discover on a journey through the various eras of Teruel’s long history and the marks its conquerors have left on its architecture over the centuries.

Teruel is the town of love, the capital of dinosaurs and, thanks to its Mudejar monuments, a UNESCO World Heritage Site.

Before Alfonso II of Aragon conquered Teruel in 1171, the town had been an important Muslim centre as it can be noticed in the many mudejar works of art left behind, with lots of bricks, glass and ceramic with Gothic and Romanesque influences typical of Islamic cultures in Christians countries.

As well as the mudejar, a varied scenario can be found in Teruel; medieval as well as modernist pieces enrich its buildings.

Here’s another love story, that of the Lovers of Teruel.

In the early thirteenth century Juan de Marcilla and Isabel de Segura lived in Teruel. Their friendship soon became love. Unwanted by the girl’s family, as he didn’t own any riches, the suitor obtained a time to get rich.

He left for the war but returned shortly after the deadline. At that time Isabel was already married to one of the lord of Albarracín’s brothers. Nevertheless, Juan managed to meet Isabel in her house and asked her for a kiss; she denied it and the young man died of sorrow.

The day after, Juan‘s funeral was celebrated in St. Peter’s church; a woman dressed in mourning approached the coffin: it was Isabel, who wanted to give the deceased man the kiss she had denied him in life; she put her lips on the young man’s and suddenly fell dead beside him.

The tower of the Church of San Pedro and the apse, since 1986, have been declared a UNESCO World Heritage Site. Leaving the Church of San Pedro behind, we find ourselves in the 13th century, experiencing the feelings and emotions of the Lovers of Teruel who today rest in the Mausoleum of lovers, under a blue sky. A temple has been built in honour of the love between these two young people, hampered by the social differences that led them to part ways in life.

Located in Teruel there is Dinópolis, one of the largest museums of paleontology in the world. It also includes some attractions, restaurants and shows. The museum comprises three main exhibition halls and a research laboratory.

Dinópolis has the following exhibition halls: Aquatic Life Hall, Dinosaur Hall, Mammal Hall and Hall of Meteorites. This is a perfect places to see with kids! You can find all information here https://www.dinopolis.com/

What we visited in Teruel (click on the map to open the link)

Lascia un commento