Reus, comune situato nella comunità autonoma della Catalogna è la seconda città in termini di popolazione della provincia di Tarragona, sulla Costa Daurada.

Tempo di lettura 5 minuti

A Reus è nato il famoso artista Antoni Gaudí e vale la pena di essere vista anche per la sua architettura modernista, infatti, non tutti sanno che appartiene alla rete Réseau Art Nouveau Network, che integra le città con il patrimonio modernista più importante d’Europa.

Cosa Vedere

Reus la città natale di Gaudí dall’architettura modernista Spagna mappa in giro in giro blog
Cosa vedere a Reus (clicca sulla mappa per aprire il link)

Parc Sant Jordi

Abbiamo fatto questo viaggio in Spagna in macchina e arrivando da Barcellona ci siamo fermati a Reus. Abbiamo parcheggiato vicino al parco dedicato al santo protettore della Catalogna, Sant Jordi, Avinguda de Sant Jordi, 2, 43201 Reus e, attraversando il parco a piedi, siamo rimasti incantati dalle tantissime opere esposte (l’ingresso al parco è gratuito).

Sant Jordi (San Giorgio), o il cavaliere Jordi, era agli ordini dell’imperatore Diocleziano quando si rifiutò di perseguitare i cristiani quindi fu martirizzato e decapitato. In questo modo iniziò il culto del martire.

Successivamente nacquero altre fantastiche leggende legate a questa figura, come ad esempio la leggenda della principessa.

Si narra che vi fosse un drago terribile che perseguitava uomini e animali nel paese di Montblanc. Per fermarlo, gli abitanti decisero di iniziare a sorteggiare a turno un abitante e a darlo in sacrificio al mostro così da dare tregua al resto del popolo.

Ma, un giorno, il sorteggio scelse proprio la figlia del Re di Montblanc. Destinata ad una morte orribile, il cavaliere Jordi prese il posto della principessa ed affrontò il mostro, uccidendolo. La tradizione racconta che dal sangue della bestia nacque un roseto dai fiori rossi.

Per questo motivo, ogni anno il 23 Aprile, in tutta la Catalogna si festeggia quello che è considerato il vero giorno di San Valentino da tutti gli abitanti e gli innamorati.

La tradizione vuole che il giorno di Sant Jordi le donne ricevano una rosa dagli uomini e viceversa esse regalino un libro agli uomini. Questa ricorrenza è conosciuta nel mondo come il “San Valentino Catalano o Spagnolo”.

Reus la città natale di Gaudí dall’architettura modernista Spagna san valentino catalano in giro in giro blog

La mattinata l’abbiamo trascorsa passeggiando per le strade che Gaudí frequentò per 16 anni prima di andarsene. Abbiamo visto luoghi emblematici come la Casa Natal De Gaudí, la chiesa de Sant Pere dove fu battezzato e ovviamente non ci siamo persi la scultura di El nen (Gaudí bambino), omaggio reso dalla città al suo celebre architetto nel 2002.

Casa Natal De Gaudí

L’architetto Antoni Gaudí nacque in questa casa il 25 giugno 1852 e ci abitò durante l’infanzia e l’adolescenza con i suoi genitori, Francesc Gaudí Serra e Antonia Cornet Bertran. La casa era di proprietà della famiglia materna e al pian terreno c’era il negozio di caldaie del nonno materno. Come disse: “Sono figlio, nipote e pronipote di calderai”.

La casa ora è di proprietà privata e non è possibile visitarne l’interno.

El nen (Gaudí bambino)

Vicino alla Casa Natal si trova la scultura di Gaudí bambino, un’opera che Artur Aldomà ha realizzato nel 2002 raffigurante l’architetto che gioca durante la sua infanzia.

La scultura è un omaggio da parte della città di Reus al suo famoso architetto. È fatta di bronzo ed ha un’altezza di 1,10 metri. Gaudí è seduto su una panchina e viene mostrato come un adolescente che gioca con una pallina d’oro con effetto rotante.

Reus la città natale di Gaudí dall’architettura modernista Spagna statua gaudi in giro in giro blog

Prioral de Sant Pere Apòstol

È uno dei monumenti più importanti di Reus. Il suo campanile gotico, uno dei pezzi più emblematici della città, fu costruito a metà del XVI secolo. La facciata principale è di stile rinascimentale.

Gaudí fu battezzato in questa chiesa il giorno successivo alla nascita con il nome Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet.

Ma Reus è molto altro, vale la pena vedere anche la Casa Navàs, un edificio modernista progettato dall’architetto catalano Lluís Domènech i Montaner e la statua equestre del generale Joan Prim (scultore Luis Puiggener), entrambi situati nella Plaça del Mercadal.

Casa Navàs

Questo edificio modernista è stato progettato dall’architetto catalano Lluís Domènech i Montaner. L’edificio fu costruito dal 1901 al 1908. Inizialmente era presente una torre sulla facciata sinistra ma fu distrutta dai bombardamenti delle forze nazionaliste durante la guerra civile spagnola (e mai ricostruita).

All’interno dell’edificio c’è uno spazio molto ampio e luminoso. I lavori in marmo furono eseguiti da Alfons Juyol i Bach, i dipinti di Tomàs Bergadà, i mobili di Gaspar Homar e le ceramiche di Hipòlit Montseny.

Casa Navàs è ancora oggi come in origine (tranne la torre) e comprende mobili, ceramiche, mosaici, luci, ecc.

Reus la città natale di Gaudí dall’architettura modernista Spagna casa navas in giro in giro blog

La statua equestre del General Prim

Juan Prim y Prats (Reus, 16 dicembre 1814 – Madrid, 30 dicembre 1870) è stato un generale e politico spagnolo e influente politico liberale progressista. Il Generale Prim fece parte del Governo provvisorio del 1868 come Presidente del Consiglio dei ministri fino al suo assassinio.

Reus la città natale di Gaudí dall’architettura modernista Spagna piazza in giro in giro blog

Conclusioni

In una mezza giornata non è possibile visitare tutte le meraviglie di questa città, una selezione è purtroppo necessaria. Quello che vi abbiamo raccontato è quello che abbiamo deciso di vedere noi, ma ci sono tantissime altre attrazioni che, siamo sicuri, sono da non perdere.

Buona passeggiata! 🙂

Ciao da Cris e Marco del blog in giro in giro

Lascia un commento