Una prelibatezza marina all’insegna della semplicità e della praticità, gustosissimo, scenografico e ideale anche da preparare per la vigilia di Natale: i Gamberoni al Prosecco 🙂

Questa ricetta dei Gamberoni al Prosecco promette un connubio perfetto di sapori, in cui la delicatezza dei gamberoni si sposa armoniosamente con l’intensità dell’aglio, la freschezza del prezzemolo e l’eleganza del vino bianco.

Un piatto che di sicuro soddisferà il tuo palato!

Gli ingredienti di qualità ti aiuteranno a realizzare un trionfo di gusto e presentazione.

Ingredienti per 2 persone

  • 12 gamberoni freschi e puliti
  • 4 cucchiai di olio EVO
  • 2 spicchi d’aglio grandi (3/4 piccoli)
  • 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 1 bicchiere di Prosecco

Esecuzione

  • Riscalda il forno a 200°C.
  • Assicurati che i gamberoni siano ben puliti (se lo desideri puoi spellarli facendo uno small cut lungo la schiena dei gamberoni per rimuovere il filo nero (intestino).
  • Versa 4 cucchiai di olio EVO sulla base della teglia da forno.
  • Metti i 2 spicchi d’aglio dentro la teglia.
  • Disponi i gamberoni nella teglia.
  • Versa il bicchiere di Prosecco sulla parte superiore dei gamberoni.
  • Assicurati che il vino si distribuisca uniformemente sulla teglia.
  • Aggiungi sale e pepe nero a piacere.
  • Spolvera con il prezzemolo.
  • Inforna la teglia nel forno preriscaldato per circa 15 minuti o fino a quando i gamberoni sono ben cotti.
  • Durante la cottura, controlla i gamberoni e girali a metà cottura per assicurarti che si cuociano uniformemente.
  • Una volta che i gamberoni sono cotti, estrai la teglia.
  • Trasferisci i gamberoni sui piatti da portare a tavola oppures u un piatto da portata.
  • Versa il succo di cottura sulla parte superiore dei gamberoni.
  • Servi i gamberoni al forno con fette di pane croccante (ad esempio delle bruschette con pomodori datterini) per gustare al meglio il delizioso sapore dell’aglio, del prezzemolo e del vino bianco.

Buon appetito!

Ciao da Cris e Marco del blog in giro in giro

Lascia un commento