La Ciudad Encantada, senza dubbio uno dei luoghi più spettacolari della Spagna

Click here for English version

La Ciudad Encantada è senza dubbio uno dei luoghi più spettacolari della Spagna, situata nel cuore del Parco Naturale Serranía de Cuenca e circondata da immense pinete, nella Ciudad Encantada è possibile imparare il processo geologico carsico e ammirare le sue bizzarre formazioni. La città incantata è stata dichiarata Sito naturale di interesse nazionale dal 1929 e Patrimonio dell’Umanità dal 1966.

La sua origine risale a 90 milioni di anni fa, quando la Ciudad Encantada faceva parte del fondo del mare di Thetis. Erano acque calme, che hanno portato alla deposizione di sali, in particolare carbonato di calcio. Alla fine del Cretaceo e come conseguenza dell’orogenesi alpina, il mare si ritirò e il fondale, composto da calcare, emerse in superficie.

Migliaia di anni di azione di acqua, vento e ghiaccio hanno creato questo impressionante fenomeno geologico in cui bambini e adulti possono godere di un ambiente magico dove far correre l’immaginazione è d’obbligo.

L’itinerario da percorrere all’interno della Ciudad Encantada è ben contrassegnato e molte delle formazioni rocciose sono provviste di cartelli con i nomi delle figure che rievocano. Effettivamente assomigliano moltissimo al nome che è stato dato loro ma, sinceramente, noi abbiamo visto più figure di quelle raccontate!

Di certo possiamo dirvi che vale la pena vedere le opere di questo scultore spettacolare che è la natura.

Inicio (Inizio)

El Tormo Alto (Il Tormo Alto)

Los Barcos (Le Navi)

El Perro (Il Cane)

La Cara del Hombre (Volto d’Uomo)

El Puente Romano (Il Ponte Romano)

La Foca (La Foca)

El Tobogán (Lo Scivolo)

El Mar de Piedra (Il Mare di Pietra)

La lucha entre el Elefante y el Cocodrilo (La lotta tra l’elefante e il Coccodrillo)

El Convento (Il Convento)

La Tortuga (La Tartaruga)

Los Osos (Gli Orsi)

Los Amantes de Teruel (Gli amanti di Teruel)

Salida (Uscita)

Piantina del percorso della città incantata di Cuenca

Trovate tutte le info qui http://www.ciudadencantada.es/

English version

Ciudad Encantada (the Enchanted City), one of the most amazing places in Spain, without any doubt

The Ciudad Encantada (the Enchanted City) is one of the most amazing places in Spain, without any doubt. Located in the heart of the Serranía de Cuenca Natural Park and surrounded by large pine forests, Ciudad Encantada is a place where you can discover the karst process and admire its unusual formations. In 1929 the Enchanted City has been declared a natural site of national interest and a World Heritage Site in 1966.

Its origins go back to 90 million years ago, when Ciudad Encantada was still entirely covered by the calm waters of the Thetis sea, which led to the sediment of salts, especially calcium carbonate. At the end of the Cretaceous and as a result of Alpine orogeny, the sea receded and the sea bottom, made up of limescale, came up to the surface.

Thousands of years of water, wind and ice erosion led to this amazing geological phenomenon. Both children and grown-ups can enjoy a magical atmosphere, where you should definitely let your imagination run free.

The itinerary through Ciudad Encantada is well marked. Many of the rock formations along the route have been labelled with names of shapes they remind of and they actually look like the shapes attributed to them. Being honest, we have seen more figures than the ones we were told about!

The works of this great sculptor, the nature, are surely worth a visit.

Inicio (Start)

El Tormo Alto (The Higt Tormo)

Los Barcos (The Ships)

El Perro (The Dog)

La Cara del Hombre (The Man’s Face)

El Puente Romano (Roman Bridge)

La Foca (The Seal)

El Tobogán (The Slide)

El Mar de Piedra (The Stone Sea)

La lucha entre el Elefante y el Cocodrilo (Fight between an Elephant and a Crocodile)

El Convento (The Convent)

La Tortuga (The Turtle)

Los Osos (The Bears)

Los Amantes de Teruel (Teruel Lovers)

Salida (Exit)

Map of the Enchanted city of Cuenca

You can find all info here http://www.ciudadencantada.es/

Lascia un commento