5 benefici del viaggiare per la mente

Viaggiare apre la mente

Click here for English version

Numerosi studi sono giunti alla conclusione che viaggiare fa bene alla mente per diversi motivi: la felicità e la positività infatti salgono alle stelle fin dal momento della prenotazione. Dunque, quale migliore motivo per partire? In verità… ce ne sono almeno altri cinque!

1

Viaggiare ricalibra la mente

Un tempo i neuroscienziati credevano che il cervello potesse cambiare solo durante l’infanzia ma oggi sappiamo che il cervello cambia continuamente.

Parte integrante dell’esperienza del viaggio è di uscire dalla nostra zona di comfort e questo è un modo per prenderci cura del nostro cervello, o per meglio dire, di svegliare i neuroni addormentati dalla routine delle azioni quotidiane.

2

Viaggiare aiuta a rilassarsi

Viaggiare aiuta ad alleviare lo stress, offre la possibilità di fare nuove amicizie con cui condividere momenti magici e di apre gli occhi su come vivono le altre persone in giro per il mondo.

I viaggi creano ricordi che quando tornano alla mente generano un sorriso. Abbiamo camminato su un vulcano attivo e su uno dei tanti ponti sospesi in Costa Rica. Abbiamo nuotato in un Cenote in Messico. Abbiamo trascorso alcune notti in un bivacco nel deserto del Sahara e abbiamo guidato la nostra Mirtilla, la regina dei fuoristrada. Ci siamo goduti l’incredibile vista delle risaie di Bali, in Indonesia. Abbiamo visto i mercati galleggianti in Thailandia.

Sono questi i momenti incredibili e meravigliosi a cui ripenseremo, non al tempo trascorso a lavorare o a guardare la televisione.

3

Viaggiare migliora la personalità

Quando si vive in un altro Paese per un breve periodo di tempo si migliora la capacità di rimanere aperti alle esperienze, che è un tratto fondamentale della personalità. Le persone più aperte cercano nuove esperienze e sono più a loro agio con l’ignoto.

Chi è più aperto alle esperienze è più introspettivo e a suo agio con l’ignoto, questo aiuta a ridurre la resistenza al cambiamento. A confronto, le persone che hanno un basso livello di questo tratto fondamentale della personalità sono considerate di mentalità chiusa.

Le persone che viaggiano per lunghi periodi sono più introspettive e meno interessate ai beni materiali.

4

Viaggiare aumenta la fiducia

I livelli di fiducia sono fortemente correlati alla felicità e sulla fiducia vale chiaramente la pena di investire energia.
Il viaggio è un potente strumento di costruzione della fiducia perché ci costringe a situazioni difficili e scomode in cui dobbiamo necessariamente fidarci di estranei, anche di culture molto diverse. Queste situazioni ci consentono di costruire la fiducia sulla sensazione di essere tutti coinvolti e di avere interessi e obiettivi comuni da perseguire.

5

Viaggiare ti fa rimanere con i piedi per terra

In ogni viaggio ci sono momenti che ci mettono a alla prova, che ci riportano a terra. Arrivare in un nuovo aeroporto dove non si riesce a leggere i cartelli e ci si rassegna a seguire la folla per trovare l’uscita è sconfortante, così come cercare di parlare con un tassista che non parla la tua lingua e nemmeno l’unica altra che conosci. Ma è tutto questo che ci costringe ad accettare il disagio e a superarlo.
Viaggiare è un potente strumento perché ci aiuta a scoprire l’umanità negli altri e, nel frattempo, a scoprire una versione migliore di noi stessi.

Ora che conoscete i benefici per la vostra salute mentale, dove volete andare di bello? 🙂

English version

5 benefits of travel for your mind

Viaggiare apre la mente

Countless studies have concluded that travel benefits the mind for several reasons: happiness and positivity skyrocket from the moment of booking. So, what better reason to travel? Actually… there are at least five more!

1

Travelling recalibrates the mind

Neuroscientists used to believe that the brain could only change during childhood but now we know that the brain is constantly changing.

Part of the experience of travelling is to leave our comfort zone and this is a way to take care of our brain, or rather, to wake up neurons that are asleep from the routine of daily actions.

2

Travelling helps to relax

Travel helps to relieve stress, offers the chance to make new friends with who you will share magical moments and it opens your eyes to how other people live around the world.

Travel creates memories that when they come back to your mind they generate a smile. We walked on an active volcano and on one of the many hanging bridges in Costa Rica. We swumin a Cenote in Mexico. We spend some nights in a bivouac in the Sahara desert and we drove our Mirtilla the Queen of off-road through it. We enjoyed the amazing view of the paddy field in Bali, Indonesia. We saw the floating markets in Thailand.

These are the amazing and wonderful moments we will look back on, not the amount of time we spent working or looking a television.

3

Travelling improves personality

When you live in another Country for a short period of time, you improve your ability to remain open to experiences, which is a fundamental personality trait. People who are more open seek new experiences and are more comfortable with the unknown.

People who are open to new experiences are more introspective and comfortable with the unknown, which helps to reduce resistance to change. In comparison, people who have a low level of this fundamental personality trait are considered closed-minded.

People who travel for long periods are more introspective and less affected by material goods.

4

Travelling increases trust

Trust levels are strongly correlated with happiness and trust is clearly worth investing energy in.

Travel is a powerful trust-building tool because it forces us into difficult and uncomfortable situations in which we have necessarily to trust in strangers, even those from very different cultures. These situations allow us to build trust on a sense that we are all involved together and we have shared interests and goals to pursue.

5

Travelling keeps you grounded

In every journey there are moments that challenge us, that ground us. Arriving at a new airport where you can not read the signs and you resign yourself to following the crowds to find your way out is discouraging, as is trying to talk to a taxi driver who doesn’t speak your language or even the only other one you know. But it is all of this that forces us to accept the discomfort and to rise above it.

Travelling is a powerful tool because it helps us to discover humanity in others and to discover a better version of ourselves in the process.

Now that you know the benefits for your mental health, where do you want to go next? 🙂

Lascia un commento