La Gola del Furlo e le Marmitte dei Giganti, Italia

English version at the bottom

La Gola del Furlo è un meraviglioso canyon nelle Marche da vedere almeno una volta nella vita.

Nelle Marche, sull’antico tracciato della Via Flaminia, in un tratto che costeggia il Candigliano, si cela un meraviglioso canyon creato dal costante scorrere del fiume. È un passaggio tra la rupe e l’acqua, dove la forza della natura ne è la padrona assoluta.

Clicca sulla mappa per aprire il link

Tra i Comuni di Fermignano e di Acqualagna, nella provincia di Pesaro-Urbino, la Gola del Furlo – il cui nome deriva dal latino “forulum”, piccolo foro, a indicare quella gola nata per effetto dell’erosione del fiume Candigliano che scorre tra il Monte Pietralata e il Monte Paganuccio – i Romani scavarono una galleria nel punto in cui il transito era più difficile (a lato di un già esistente varco di epoca etrusca). La galleria fu fatta costruire su volontà dell’imperatore Vespasiano nel 76 dopo Cristo per consentire il transito di carri di grandi dimensioni e macchine da guerra che è a tutt’oggi ancora aperta al transito pedonale e dei veicoli.

In questa vallata le pareti rocciose si alzano per centinaia di metri tra le acque, formando così un canyon la cui profondità si è ridotta nel momento in cui fu costruita una diga, nel 1922, trasformando il corso d’acqua in un lago. Il miglior modo per scoprire questo luogo è senza dubbio a piedi, la Riserva offre diversi itinerari e possibilità di passeggiate tra le pareti del canyon, in cui ammirare una natura spettacolare a tu per tu con le aquile reali, falchi pellegrini e aironi cenerini.

È anche possibile parcheggiare la propria auto in una delle tante aree di sosta lungo il fiume e percorrere a piedi il tratto della strada Flaminia, passando sotto al “forulus”, la galleria voluta da Vespasiano. Il tunnel, una delle più ardite operazioni d’ingegneria stradale della storia, fu completato in soli cinque anni, fra il 73 e il 77 d.C. scavando la roccia a colpi di scalpello, e i segni sono ben ancora ben visibili. Lungo 38 metri per 5,5 di larghezza e 6 di altezza, fino ad arrivare alla diga dove è possibile ammirare il lago artificiale e lo spettacolo mozzafiato che il canyon offre.

Da non perdere

Una passeggiata al canyon di Fossombrone all’ombra delle Marmitte dei Giganti, il canyon del Metauro dal colore turchese e il fascino unico. Con il termine “Marmitte dei Giganti” (note anche come Marmitte del Diavolo) in geologia si indicano delle depressioni profonde a pozzo, scavate nelle rocce dall’erosione dei fiumi in aree che in tempi remoti erano coperte da ghiacciai. Quando i ghiacciai si sciolsero si crearono dei vortici, con acque dalla velocità così elevata da riuscire a erodere le rocce.

Il canyon con le sue Marmitte dei Giganti si trova in località San Lazzaro, una frazione di Fossombrone, in provincia di Pesaro-Urbino. Lo si trova dopo più di due chilometri arrivando da Fossombrone e percorrendo la Flaminia, mentre dalla SS73 bis bisogna uscire a Fossombrone ovest, al bivio Fossombrone-Urbino si segue per Urbino e al cartello per San Lazzaro si gira a sinistra. Lungo la strada si trova il ponte detto “dei Saltelli” o ponte di Diocleziano. Quello che si ammira ora fu costruito da Mario Corrieri ed è del 1946 come ricorda una lapide sul pilone, quello originale che risaliva a tempi molto più antichi fu distrutto durante la seconda guerra mondiale. Il curioso nome di “ponte dei Saltelli” deriva dal fatto che, a monte della forra di San Lazzaro, ci sono una serie di rapide e cascatelle.

Clicca sulla mappa per aprire il link

Il canyon è ulteriormente abbellito proprio dalle Marmitte dei Giganti dove l’azione erosiva del fiume ha creato delle cavità tondeggianti sulle sponde, ora riempite da laghetti e specchi d’acqua. A valle della forra il fiume si allarga lasciando spazio a delle piccole spiagge con queste meravigliose piscine naturali nelle quali immergersi è d’obbligo. I più avventurosi potrebbero decidere di affrontare le Marmitte dei Giganti in canoa o kayak, queste escursioni sono possibili e per conoscere orari e info sulle escursioni è sufficiente contattare il punto Iat di Fossombrone http://www.turismo.pesarourbino.it/.

English version

Gola del Furlo and Marmitte dei Giganti, Marche, Italy

Gola del Furlo is a wonderful canyon located in the region Marche and worth seeing at least once in life.

In the region Marche, in a stretch that runs along the Candigliano on the ancient route of the Via Flaminia, lies a wonderful canyon created by the continuous flow of the river. It’s a place between the cliff and the water, where the forces of nature prevail.†

Click on the image map to open Google Map

Between the Municipalities of Fermignano and Acqualagna, in the province of Pesaro-Urbino, the Gola del Furlo – whose name comes from the Latin “forulum”, a small hole, stating that the canyon was created by the Candigliano river, flowing between Monte Pietralata and Monte Paganucciothe Romans dug a tunnel in order to make the passage easier (next to another already existing Etruscan junction). The tunnel was built under the emperor Vespasian’s will in 76 AD, to allow the transit of large carts and tanks, and it’s still open to pedestrians and vehicles.

The valley is surrounded by rocky walls, more than hundreds of meters high. Rooted in the water, these walls form a canyon whose depth was reduced by building a dam in 1922, transforming the river into a lake. The best way to discover this place is by foot, no doubt about it. The reserve offers various itinerary options and several opportunities for walks through the canyon walls, where you can enjoy the magnificent nature face to face with golden eagles, peregrine falcons and ash gray herons.

You can also park your car in one of the many parking areas by the river and walk along the stretch of the Flaminia road, passing under the “forulus”, the tunnel wanted by Vespasiano. The tunnel, one of the bravest road construction engineering in history, was completed in just five years, between 73 and 77 AD. It was realised by digging the rock with chisels and the signs are still visible. 38 meters long, 5.5 meters wide and 6 meters high, up until the dam where the artificial lake and the breathtaking view that the canyon offers can be enjoyed.

Not to be missed

A walk down to the Fossombrone canyon, in the shadow of the Marmitte dei Giganti, the turquoise Metauro canyon with its unique charm. With “Marmitte dei Giganti” (also known as Marmitte del Diavolo) geologists refer to deep depressions dug into the rocks by the river erosion in areas that used to be covered by glaciers. When the glaciers started melting, this created vortices where the water moved so fast that it could erode the rocks.

The canyon and its Marmitte dei Giganti are located in San Lazzaro, a hamlet of Fossombrone, in the province of Pesaro-Urbino. It can be found after a bit more than two kilometres coming from Fossombrone and driving down the Flaminia. If following the SS73 bis, you should exit at Fossombrone west, follow the directions to Urbino at the Fossombrone-Urbino junction and turn left following the road sign to San Lazzaro. Along the road there is the so-called “dei Saltelli” or Diocletian’s bridge. What you can see nowadays was built by Mario Corrieri in 1946, as a plaque on the pylon reminds us, while the original, ancient one was destroyed during the Second World War. The bizarre name of “Ponte dei Saltelli” derives from the bunch of rapids and waterfalls, upstream of the gorge of San Lazzaro.

Click on the image to open Google Map

The canyon is made even more beautiful by the Marmitte dei Giganti, where the erosive action of the river has created rounded cavities on the banks, now transformed into small lakes and stretches of water. Downstream the river becomes wider and leaves enough space for some small beaches with marvelous natural swimming pools where you definitely have to dive. The most audacious visitors could decide to reach the Marmitte dei Giganti in canoes or kayaks. Exvursions are possible and you just need to contact the Iat Point in Fossombrone to find out the timetable and get all useful information http://www.turismo.pesarourbino.it/.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...